ISA Safety System
e le altre misure per lavorare in sicurezza

 

A seguito dell’emergenza da nuovo Coronavirus (Covid-19), ISA ha messo in atto una serie di iniziative di rafforzamento della sicurezza e reso operativo, tra i primi in Italia, un sistema ad alta tecnologia di “SWAT – System Workers Advance Tracing” per garantire i massimi standard di sicurezza di tutti i dipendenti.

Al fine di educare gli operatori al rispetto della reciproca distanza di sicurezza, il reparto IT di ISA ha messo a punto “ISA Safety System“, un progetto ad alta tecnologia sviluppato in collaborazione con HPE – Hewlett Packard Enterprise, leader mondiale per le soluzioni ad alto valore tecnologico.

SWAT

Lavorare in sicurezza grazie alla tecnologia

Ogni operatore è dotato di un TAG – dispositivo dalle dimensioni di un piccolo portachiavi – in grado di fare due attività fondamentali:

  • Comunicare ai singoli operatori, tramite APP con notifica push collegata al proprio smartphone e tramite vibrazione del dispositivo, i contatti avvenuti sotto la distanza di 1,5 metri per più di 15 secondi, in modo da aumentare sicurezza e consapevolezza.

  • Consentire all’azienda di monitorare tutte le interazioni che l’operatore ha avuto nel corso dell’attività lavorativa in modo da rintracciare tempestivamente, in caso di necessità e nel massimo rispetto della privacy, tutti i contatti avuti dall’interessato.

Le altre misure per il rafforzamento della sicurezza

 

ISA Safety System si aggiunge a tutte le altre iniziative, concordate con le organizzazioni sindacali, già messe in campo per portare al massimo livello la sicurezza dei lavoratori.

 

Potenziamento delle protezioni individuali

In aggiunta al dispositivo di sicurezza ISA Safey System, ogni lavoratore è dotato di una visiera frontale trasparente, mascherine Chirurgiche o FFP2 e guanti in lattice (da usare sotto i guanti da lavoro).

Nuova procedura di sicurezza per accesso allo stabilimento

E’ prevista una nuova procedura di sicurezza per i lavoratori e i fornitori per accedere allo stabilimento. Misurazione della temperatura corporea (obbligatoria per l’accesso allo stabilimento) e creazione di percorsi – tramite segnaletica orizzontale – per gestire nella massima sicurezza l’accesso dei dipendenti e la logistica in entrata ed uscita.

Nuove misure di sicurezza all’interno dello stabilimento

Creazione di nuovi percorsi di transito e stazionamento delle persone, installazione di protezioni supplementari tra le postazioni di lavoro e dotazione di prodotti per la sanificazione delle mani e delle postazioni di lavoro. Sono stati chiusi, inoltre, i luoghi di aggregazione (refettorio, spogliatoi e aree break) ed è stata potenziata la frequenza della sanificazione dei bagni con l’introduzione di accessi contingentati tramite sistema semaforico.

ISA Safety System come esempio per la ripartenza

 

Il sistema di sicurezza per il contenimento e il contrasto della diffusione del nuovo Coronavirus in fabbrica, ideato e adottato da ISA per la ripartenza dopo la fase di emergenza, fa il giro del mondo in vari organi di comunicazione, dalla televisione alla stampa, al web e vari social.

 

Rassegna stampa

ISA Safety System in TV